societaeimpresa.com / Informazioni e servizi per l'impresa
HOME_PAGE_societaeimpresa.com

INFORMAZIONI SU SOCIETÀ E IMPRESA

I NOSTRI SERVIZI

LO STUDIO PROFESSIONALE

Contratto di factoring

Contratto di factoring

Il contratto di factoring può essere definito come quello con il quale un imprenditore, detto cedente o fornitore, trasferisce o si obbliga a trasferire in esclusiva ed a titolo oneroso mediante cessioni di crediti ad altro soggetto, detto destinatario (o factor), la totalità o parte dei crediti, anche futuri, derivanti dall’esercizio dell’impresa verso i propri clienti, detti debitori ceduti, ottenendone la controprestazione in servizi e/o denaro. Il factor solitamente anticipa in tutto, o in parte, l’importo dei crediti ceduti.

Come può vedersi, mediante tale tipo di pratica, un imprenditore ha la possibilità di ottenere tutta una serie di servizi, ad esempio una gestione più leggera dei servizi contabili e della gestione commerciale, oltre a poter ottenere anticipatamente liquidità derivante dai crediti nei confronti dei propri clienti.

La cessione dei crediti può avvenire pro soluto o pro solvendo a seconda che il factor sollevi o meno il fornitore dall’onere di garantire la solvibilità del debitore ceduto; in caso di inadempimento del debitore, nella cessione pro solvendo, il factor avrà la possibilità di riottenere dal fornitore gli importi a quest’ultimo corrisposti, maggiorati degli interessi.

Solitamente, a fronte delle prestazioni rese o come compenso per l’anticipazione, il factor trattiene una parte degli importi ottenuti dal debitore stornando la differenza tra quanto ottenuto e le eventuali anticipazioni effettuate.

La disciplina normativa della cessione dei crediti per l'impresa è stabilita dalla Legge 21 febbraio 1991, n. 52 (in Gazz. Uff., 25 febbraio, n. 47).

  ©2003-2006 societaeimpresa.com | Milano | Roma | Tutti i diritti riservati | Informazioni legali | Privacy