societaeimpresa.com / Informazioni e servizi per l'impresa
HOME_PAGE_societaeimpresa.com

INFORMAZIONI SU SOCIETÀ E IMPRESA

I NOSTRI SERVIZI

LO STUDIO PROFESSIONALE

Sentenze

Sentenze: Coop - Società cooperative

Cooperativa edilizia - Favoritismi nell'assegnazione di alloggi. (Cc, articoli 1418, 2379, 2511 e 2516)
Nelle cooperative edilizie l'assegnazione anticipata di alloggi ad alcuni soci, in violazione del principio paritario, non determina alcuna nullità nei contratti di cessione, potendo i soci che si ritengono danneggiati da tali favoritismi esclusivamente sollevare le proprie contestazioni nell'ambito sociale mediante impugnativa delle relative delibere di assegnazione.
Recesso anticipato del socio - Successivo all'assegnazione dell'alloggio. (Cc articolo 2526)
Il recesso anticipato dalla cooperativa del socio che abbia ottenuto l'assegnazione dell'alloggio non determina la retrocessione dell'immobile alla cooperativa, potendo tale comportamento venir valutato soltanto con riguardo all'eventuale violazione del rapporto obbligatorio del socio nei confronti della società.
Cass. sezione i civile - sentenza 12 dicembre 2003-23 marzo 2004 n. 5724

Domanda di esecuzione specifica - Trasferimento di alloggio prenotato in cooperativa- Ammissibilità. (Cc, articolo 2932)
La domanda di esecuzione specifica, ai sensi dell’articolo 2932 del Cc, può essere proposta anche nei confronti di una società cooperativa che abbia come oggetto sociale la costruzione di alloggi da assegnare ai soci, di fronte al rifiuto della società di prestarsi all’atto traslativo dell’immobile al socio assegnatario. Il suo accoglimento, tuttavia, è condizionato al compiersi della fattispecie complessa e progressiva, che prevede, oltre all’assunzione, da parte della società, dell’obbligo a prestare il proprio consenso al trasferimento e l’effettuazione della prenotazione dell’alloggio, la realizzazione, altresì, dei presupposti concreti, previsti dalla legge e dall’atto costitutivo della cooperativa per tale assegnazione, consistenti, oltre che nell’individuazione del bene, nella definizione precisa e non contestata del relativo corrispettivo a carico di ciascun socio, così da rendere legittimo, e quindi dovuto, il successivo atto traslativo del diritto di proprietà individuale.
Cass. Sezione III, sentenza 15 febbraio 2006 n. 3279


« Tornare alla pagina delle sentenze
  ©2003-2006 societaeimpresa.com | Milano | Roma | Tutti i diritti riservati | Informazioni legali | Privacy